Idrokinesiterapia

COS’È

idrokinesiterapia_1L’idrokinesiterapia sfrutta a fini terapeutici le proprietà fisiche dell’acqua. Se consideriamo che il peso del corpo viene alleggerito del 85-90% in seguito all’immersione in piscina, è facile rendersi conto di come, in questo modo, sia possibile affrontare gli esercizi di riabilitazione con uno sforzo ridotto ed un conseguente minore affaticamento, ottenendo ottimi risultati riabilitativi in minor tempo. Da non confondere con la ginnastica in acqua, dove si sfrutta lo spostamento della massa d’acqua durante gli esercizi per ottenere un maggior potenziamento muscolare, nell’idrokinesiterapia è l’acqua che rende più facile e fluido il movimento di riabilitazione.

IDROKINESITERAPIA TERMALE

idrokinesiterapia_2Quando l’acqua utilizzata nell’idrokinesiterapia è un’acqua minerale, con determinate caratteristiche ben identificabili in termini di composizione chimica e di temperatura, allora al semplice utilizzo dell’acqua quale mezzo ambientale per svolgere un determinato lavoro articolare, si aggiunge lo specifico effetto dell’acqua minerale e si parla di idrokinesiterapia termale. Caratteristiche come la composizione chimica e la temperatura rendono più dolce e graduale l’esercizio fisico e favoriscono più velocemente la ripresa.

L’acqua delle Terme Euganee ha una composizione chimica di sodio, bromo e iodio. Sgorga naturalmente ad una temperatura di circa 90° centigradi, attraversa il sottosuolo per circa 100 Km fino a profondità di 3000 metri, raggiungendo in alcuni tratti temperature vicine ai 200°C, per poi risalire verso il suolo raffreddandosi fino agli 87°C. Qui si arricchisce di sali minerali, fra l’altro fondamentali per la produzione delle particolari microflore che caratterizzano i fanghi del posto.

A CHI È INDICATA

idrokinesiterapia_3L’idrokinesiterapia nelle piscine termali di Abano e Montegrotto Terme è sicuramente indicata alle persone che presentano un ridotto tono e trofismo muscolare, che comporta un assottigliamento del muscolo ed una sua minor forza. Ciò accade, ad esempio, dopo un trauma, un intervento chirurgico o un prolungato soggiorno a letto. In questi soggetti, applicazioni di idrokinesiterapia termale possono restituire la forza fisica esistente prima dell’evento. È poi indicata a chi soffre di artrite, di disturbi neurologici (dolore neuropatico, ad esempio). In altre parole trova indicazione in tutti quei casi nei quali per il soggetto è difficile e doloroso muoversi su terra.
Immergersi in una piscina termale ad Abano Terme, unendo divertimento e relax all’efficacia terapeutica, permette di fondere i benefici effetti dell’acqua calda termale a quelli dell’esercizio fisico, migliorando la mobilità articolare ed aiutando la deambulazione, grazie alla capacità di ridurre il dolore e la contrattura spastica del muscolo.
È uno di quei casi, molteplici nel mondo del termalismo, nei quali una terapia naturale è efficace, consentendo non solo il rapido recupero ed il mantenimento della funzionalità dell’apparato locomotore, ma anche una riduzione dei tempi di recupero di articolazioni immobilizzate a lungo.



I video saluteI nostri stabilimenti termali