Rinite Allergica

Rinite caratterizzata da starnutazione, rinorrea, congestione nasale, prurito e spesso congiuntivite e faringite a carattere stagionale o continuo. È generalmente provocata dai pollini portati dal vento: il tipo primaverile è dovuto a pollini di alberi, il tipo estivo a pollini di graminacee e di erbe selvatiche mentre il tipo autunnale a pollini di erbe selvatiche. Il naso, il palato, la faringe e gli occhi cominciano a dare prurito gradualmente o improvvisamente dopo l’inizio della stagione dei pollini. Lacrimazione, stranutazione e secrezione nasale acquosa limpida accompagnano o seguono il prurito talvolta con l’insorgenza di cefalee frontali e irritabilità. Per contrastare la rinite allergica, la terapia prevede la somministrazione di antistaminici orali, che generalmente alleviano la sintomatologia, spesso prescritti insieme ai simpatico mimetici. Quando la sintomatologia nasale non viene risolta dagli antistaminici, da accertare che non vi sia in corso anche una sinusite allergica, sono solitamente efficaci i glucorticoidi per spray nasale. Sintomi gravi di difficile trattamento possono richiedere un breve ciclo di terapia corticosteroidea sistemica con riduzione graduale delle dosi nell’arco di una settimana.



I video saluteI nostri stabilimenti termali