Faringite

faringite_1È una delle forme infiammatorie strettamente legate al raffreddore comune e che, potremmo dire, ne costituisce una specie di complicazione. Infatti, quando a causa di un raffreddore, cade la prima linea di difesa, costituita dalla struttura del naso e della sua mucosa – che ha il compito di riscaldare l’aria che passa attraverso di esso e di trattenere le particelle più grossolane sospese nell’aria inspirata – lo shock termico provocato dall’aria fredda inspirata attraverso la bocca, può determinare una infiammazione del faringe e lo sviluppo di una faringite, meglio conosciuta come “mal di gola”. Le manifestazioni della faringite sono caratterizzate dalla difficoltà a deglutire (“dottore ho la gola piena di spilli”), associata ad una tosse secca, stizzosa e, spesso, dolorosa. Sovente, ma non sempre, la faringite si manifesta anche con febbre, generalmente serale e poco elevata. Una manifestazione particolare della faringite è la tonsillite. Questa patologia colpisce due piccoli organi pari che si trovano nella nostra gola, le tonsille appunto, che rappresentano una vera e propria “palestra” per il nostro sistema immunitario. Le tonsille infatti, proprio per la posizione in cui si trovano, vengono a contatto con qualsiasi tipo di microrganismo (virus o batterio)  contenuto nell’aria/ambiente e potenzialmente pericoloso per il nostro organismo. Questo “incontro ravvicinato” comporta lo sviluppo di una “memoria immunologica” che è in grado, in occasione di una seconda penetrazione del microrganismo, di attivare immediatamente il sistema di difesa (anticorpi e linfociti) che aggredisce ed espelle l’ospite indesiderato. Proprio per questa caratteristica, però, le tonsille possono andare incontro ad una infezione di natura prevalentemente batterica che si manifesta come una faringite e si associa ad un rigonfiamento delle tonsille stesse che a volte arriva a ostruire il passaggio dell’aria. In questo caso le tonsille si presentano arrossate e cosparse di chiazze bianche, o bianco grigiastre, definite “placche”.
Se nella faringite virale acuta semplice non esistono terapie causali ma, come nel raffreddore, esclusivamente sintomatiche, nelle forme di faringotonsillite batterica è consigliabile l’uso di antibiotici che, però, raccomandiamo di utilizzare solo su prescrizione del medico. Ovviamente, le terapie sintomatiche possono essere associate ad antibiotici, nel caso di faringotonsilliti, al fine di migliorare il sintomo e, in alcuni casi, accelerare la guarigione.



I video saluteI nostri stabilimenti termali